I Tarocchi della “MonzaReale” di metà ‘800

 

Il seguente articolo nasce dalla collaborazione con “MonzaReale“, blog di informazione culturale e storica della città di Monza (MB). 

Giocolieri, Imperatori, Papi, Virtù: queste sono alcune delle figure che possiamo trovare in un mazzo di Tarocchi. Oltre a Regine, Re, Cavalieri e Fanti, a descrivere una realtà forse solo apparentemente lontana e tramontata.
I tarocchi nascono nelle corti medievali e rinascimentali, a tracciare un lucido quadro della società, delle sue strutture e credenze. Rimane un riverbero di tutto ciò, che è molto più attuale di quanto non possa sembrare.
Voglio condurvi in un breve viaggio all’interno della corte monzese di Margherita di Savoia e Umberto I, facendoci accompagnare dalle carte per portare più luce nelle fitte trame di rapporti e ruoli.

Margherita di Savoia: Regina di Coppe

 

monzareale regina margherita

Partiamo da Margherita: nasce il 20 novembre del 1851 sotto il segno astrologico dello scorpione. Segno di acqua, Margherita trova la sua degna rappresentante nella regina di Coppe (qui trovi maggiori informazioni sul “rappresentante”). Caratteristiche fisiche, come i capelli biondi, la gentilezza dei tratti, il fascino e la benevolenza rafforzano ulteriormente questo legame.

Donna dall’animo nobile e sensibile, attaccata agli affetti e ai buoni sentimenti, la Regina di Coppe incarna gli ideali di dolcezza e maternità. Possiede un fascino sottile, assolutamente privo di volgarità, in grado di ammaliare attraverso la tenerezza. È attratta dall’arte, dalla poesia e da tutte le espressioni artistiche in grado di incarnare i sentimenti in qualcosa di concreto.

Margherita di Savoia fu la prima regina del regno di Italia, ed è interessante notare come, a seguito del regicidio del 1900, divenne a tutti gli effetti “regina madre”. Il suo temperamento sensibile la portò a relazionarsi con circoli culturali e a diventare un punto di riferimento per letterati ed artisti. Negli ultimi anni del regno, si dedicò esplicitamente ad opere di beneficenza, di sostegno alle arti ed alla cultura.

Occorre ora notare un punto importante: Margherita incontrò una “seconda nascita”, avvenuta il 9 gennaio 1878. È la proclamazione a regina d’Italia. Avvenimento che la pone sotto al segno del capricorno, e quindi rappresentata dalla Regina di Denari. La stessa data vale ovviamente anche per Umberto I, Re di Denari.
I due monarchi appariranno sempre come un punto di riferimento e di stabilità, malgrado la non felice vita matrimoniale, fatta di tradimenti e di “separazioni in casa”.

Tornando a Margherita, la sua sensibilità di nascita la portò a capire l’importanza dell’apparire una figura di riferimento. L’abbigliamento ricercato, la ricchezza equilibrata e allo stesso modo studiata, sono caratteri tipici della Regna di Denari, amante della bellezza (anche da mostrare pubblicamente), e donna dal carattere concreto e pragmatico. (Per approfondire la figura storica di Margherita, ti segnalo questo e questo articolo).

Umberto I: il Re di Bastoni

 

monzareale umberto I

Nato il 14 marzo sotto il segno dell’ariete, il Re di Bastoni, futuro re d’Italia, trascorre i primi anni di vita ad affrontare la carriera militare, prendendo parte a varie battaglie. Una delle caratteristiche del Re di Bastoni è il voler apparire potente (a volte anche più di quanto non sia). Alle volte può essere rigido od impostato: non stupisce il conservatorismo che caratterizzò Umberto I, così come i vari episodi di repressione di moti popolari. Questo aspetto di dominio è probabilmente quello che lo portò a subire tre attentati, di cui l’ultimo fatale.

Come accennato in precedenza, l’incoronazione porta alla nascita di un Re di Denari: non più i fasti ed il bello, quanto l’incremento ed il rafforzamento della posizione sono i suoi punti di maggior interesse. Il re di Denari è un uomo leale e degno della nostra fiducia: a Umberto I si devono l’abolizione della pena di morte ed il diretto aiuto durante l’epidemia di colera a Napoli.

Luci ed ombre si manifestano sullo stesso personaggio, di nascita più impetuoso, ma in grado di essere un punto di riferimento e di stabilità. Accentramento del potere statale, appoggio dei moti più conservatori sono alcuni degli aspetti che caratterizzano il suo operato in quanto Re di Denari. (Per approfondire la figura storica di Umberto I, puoi leggere questo o questo articolo)

Abbinamento Regina di Coppe – Re di Bastoni

Abbinamento difficile da mettere in atto, i due semi sono opposti tra loro. Acqua e Fuoco sono i poli opposti di una energia che, senza una mediazione, difficilmente può convivere. L’uno tenderà a sovrastare l’altro, in un eterno ciclo di desiderio di dominio.
Matrimonio burrascoso, fatto di tradimenti (bastoni) e di fughe – emotive e fisiche (coppe), quello tra Margherita ed Umberto non fu mai un connubio tranquillo. Questo è un po’ il destino della coppia Re di Bastoni e Regina di Coppe: un bisogno di sentimenti e complicità che si scontrano con un impeto ed una necessità di manifestare il proprio potere personale.

Abbinamento Regina di Denari – Re di Denari

Le due figure di corte sono accomunate dallo stesso elemento e, sebbene lo mettano in atto in maniera differente, i punti di contatto sono notevoli e stabilizzanti. Tutti e due sono attenti al ruolo ed ai possedimenti; da mettere in mostra nel caso della regina, da amministrare e mantenere nel caso del re. In ogni modo, l’orgoglio per quanto si possiede fa da collante alla coppia.
Re e regina d’Italia hanno sempre mantenuto la loro facciata di stabilità e rispetto reciproco: i ruoli erano ben chiari e, sebbene da un certo punto in poi ognuno conducesse la propria “vita privata”, le occasioni pubbliche erano sempre solenni e tradizionali. Il seme di denari è quello della tradizione, dei buoni costumi, della lentezza nel cambiamento: Margherita ed Umberto hanno interpretato a dovere il loro ruolo, tanto verso il popolo italiano che nelle corti estere. Tutta una una finzione? Forse, ma sicuramente si è dimostrata più che stabile.

 


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *